Il sogno rivelatore. Testimonianza di Filomena (Italia)

Il 5 febbraio 2007, ero preoccupata per mia sorella, la quale sospettava una terza gravidanza.

La mia ansia veniva dal fatto che quando era incinta della seconda bambina, il medico aveva sospettato che sarebbe potuta nascere down, ma poi, per grazia ricevuta, andò tutto bene.

Mia sorella era venuta al paese e restò a dormire da me. Durante la notte, feci un sogno:

Guardavo in una stanza, c’era una donna robusta e con i capelli corti, come se li tagliano le suore. Era sulla porta che congedava un’altra donna e diceva: «Non ti preoccupare che andrà tutto bene!». Poi chiuse la porta, s’inginocchiò ai piedi del suo lettino per pregare.
Mentre pregava, la donna morì ed io vidi la sua anima uscire dal corpo come se fosse stata, nella forma, simile a un’ostia.
L’anima si lamentava: «Ancora un poco!», come se avesse dovuto fare qualcosa e andare via, senza lasciare un messaggio.
Allora Dio le concesse di ritornare nel suo corpo per un po’. Lei si alzò e si diresse vicino al muro e, sulla parete, tracciò un percorso.

A quel punto, mi svegliai.

In sogno, sapevo che la donna si chiamava Teresa Fasce. Io non avevo mai sentito questo nome e non sono mai stata (al Santuario di) Santa Rita.

Mia sorella ha avuto un bel bambino. Da allora, ogni anno, ho tentato di venire a ringraziarla.

 

(Testimonianza pubblicata sul n. 1-2013 di Dalle Api alle Rose)

back