Festa di Santa Rita 2019

22/05/2019

Migliaia di devoti al Santuario di Cascia

“Siate santi, sappiate perdonare, amate la croce”.
Sono queste le tre raccomandazioni che il Cardinale Giovanni Angelo Becciu, Prefetto della Congregazione per le cause dei santi, ha ricordato durante l’omelia del Solenne Pontificale del 22 maggio, Festa di Santa Rita, sul sagrato della Basilica di Cascia, parlando degli insegnamenti che ci ha lasciato la santa dei casi impossibili.

E sono stati migliaia i devoti, giunti da ogni parte d’Italia e del mondo, che hanno partecipato alla celebrazione liturgica che rappresenta il culmine dei festeggiamenti ritiani organizzati dalla Famiglia Agostiniana di Cascia, dal Comune e dal Comitato Cascia per Santa Rita. Fin dalle prime ore del mattino, i pellegrini hanno affollato il viale del Santuario. Al passaggio del Corteo Storico e della Processione, che giungono sul sagrato prima del Solenne Pontificale, i devoti hanno atteso il tradizionale rito del lancio delle rose ai piedi della statua della santa, rose che poi vengono ridonate a loro volta al termine delle celebrazioni.

A officiare il pontificale insieme al Cardinale Becciu, sono stati il Vescovo della Diocesi di Spoleto-Norcia, Mons. Renato Boccardo e l’agostiniano, Mons. Giovanni Scanavino, alla presenza di Padre Joseph L. Farrell, Vicario generale dell’Ordine di Sant’Agostino, di Padre Luciano De Michieli, Priore della Provincia Agostiniana d’Italia e del Rettore della Basilica, Padre Bernardino Pinciaroli.

In prima fila davanti all’altare, posizionato sul sagrato, le autorità civili e militari, oltre al sindaco di Cascia, Mario De Carolis, presente anche la presidente dell’assemblea legislativa dell’Umbria, Donatella Porzi.

“A tutti coloro che sono qui presenti, ma in particolare a tutti i devoti del mondo che non hanno potuto raggiungerci oggi al Santuario, desideriamo augurare di vivere in comunione con noi questo giorno di festa” ha detto Suor Maria Rosa Bernardinis, Madre Priora del Monastero di Cascia. “Santa Rita, infatti - ha aggiunto la Priora - è di tutti coloro che la amano, ovunque si trovino”.

back