Spagna - Monachil

L’arte devozionale a Monachil.

In Spagna, sono numerosi i luoghi dove fiorisce la devozione a Santa Rita: il luogo dov’è più presente è forse, Monachil, un paese vicino a Granada, ai piedi del parco naturale della Sierra Nevada. C’è qui un convento di Agostiniani Recolletti (ordine mendicante di origine spagnola, ndr), con la Chiesa di Nostra Signora del Buon Consiglio, dove si trova una bella immagine di Santa Rita, opera di José Navas Pejos, scultore della scuola di Granada. Molto presto, i fedeli che frequentavano la chiesa del convento svilupparono una grande devozione che, pian piano, si diffuse nei dintorni; oggi arrivano al convento di Monachil, autobus di fedeli provenienti da tutta la Spagna!


Si pubblica qui la rivista “Santa Rita e il popolo Cristiano”, iniziata nel 1905. Essa è diffusa in tutta la Spagna, con una tiratura di quasi 19.000 copie. Molti rivolgono alla redazione le loro lettere, raccontando la loro sofferenza e chiedendo preghiere, oppure rendendo grazie con immensa gioia, per aver ottenuto dalla Santa quanto speravano. Sembra che proprio questa rivista sia, tra quelle di devozione popolare, la più diffusa in Spagna.


Non è difficile immaginare che il 22 di maggio è un giorno di festa straordinariamente partecipato: molti autobus, carichi di fedeli provenienti dalle diverse regioni spagnole, si danno appuntamento a Monachil: fedeli pieni di devozione si recano dalla Santa per presentarle le loro necessità. Una folla traboccante, che non viene mai meno durante tutto il giorno, riempie la chiesa, dove i frati celebrano ogni ora l’Eucaristia, seguita dalla benedizione delle rose. A Monachil, si danno appuntamento più di 5.000 persone.


La festa raggiunge il suo culmine in serata, con la messa solenne. Questa si svolge in un tendone messo a disposizione dal comune, in quanto la chiesa degli Agostiniani Recolletti non è capace di contenere l’immensa assemblea. Molti devoti, con le lacrime agli occhi, pregano Santa Rita. In seguito, la processione si snoda per le vie di Monachil. Si tratta di uno dei momenti più emozionanti di tutta la giornata: mentre risuona l’accompagnamento della banda municipale, portata a spalla dai suoi devoti, l’immagine di Rita percorre le strade del paese, circondata dai suoi devoti, che, con accresciuta gioia e devozione, cantano e lodano la loro patrona. Proprio a causa di questa grande devozione a Rita, la città di Monachil è gemellata con Cascia. Che Santa Rita ci benedica!


(di Fr. Iván Merino Padial. Articolo pubblicato su “Dalle Api alle Rose” nr. 2-2011)
 

back