Il Miracolo Eucaristico

Il miracolo eucaristico è custodito dentro il tabernacolo di pietra e cristallo, con ai lati due pannelli in marmo che raffigurano le due parti di un libro aperto. Nell'anno 1330 a Siena un sacerdote chiamato a portare la santa comunione a un malato pose l'ostia nel breviario. A casa dell'infermo vide che l'ostia era diventata sangue. Andò a confessare l'accaduto al beato Simone, che portò la reliquia a Cascia.

Nel 1389 il Papa Bonifacio IX confermò l'autenticità del miracolo. Il frammento di carta pergamenaceo misura mm. 52 x 44. Guardando in controluce si nota che le macchie di sangue hanno formato il profilo di un volto umano.

Nel sarcofago di pietra, finemente sbozzato, sono collocati i resti del beato Simone Fidati. Nato a Cascia nel 1285 circa, da giovane abbandonò la vita agiata entrando nell'ordine di Sant'Agostino. Ordinato sacerdote, fu grande predicatore e guida spirituale; scrittore in latino e in italiano ci ha lasciato preziosi scritti di teologia e spiritualità. Morì a Roma il 2 febbraio 1348; la sua festa è celebrata il 16 febbraio.

back