Penitenzieria

Nella Penitenzieria celebriamo il Sacramento del Perdono. In questo luogo, il pellegrino può trovare sempre dei sacerdoti per ricevere il Sacramento della Confessione nelle lingue più diffuse.

Unica, nella sua originalità, la Penitenzieria è indicata dagli esperti di teologia e di pastorale come un modello ben riuscito di rinnovamento del Sacramento della Riconciliazione. La struttura consiste, infatti, in un cammino di catechesi e di conversione, con l’aiuto di opere d’arte e di proiezione di audiovisivi.

Inaugurata il 10 maggio 1986, per celebrare il XVI centenario della conversione di Sant’Agostino, la Penitenzieria è stata progettata dagli architetti R. Scrimieri, F. Genco, M. Caproni.

L’artista pugliese, Armando Marrocco, ha realizzato le varie opere d’arte e studiato anche le tonalità dei colori delle diverse sale.

La Penitenzieria è aperta solo nei momenti di maggiore affluenza, ma basta rivolgersi ai padri agostiniani per poterla visitare.

back